Home Circoli Storici Cerimonia di Premiazione 1° Trofeo Circoli Storici 2013
0

Cerimonia di Premiazione 1° Trofeo Circoli Storici 2013

19
0

Con le premiazioni svoltesi il giorno 19 Ottobre presso il circolo della vincente Canottieri Aniene si è chiuso ufficialmente il “1° Trofeo Circoli Capitolini 2013”.

 

Dopo un anno di sfide nelle varie specialità di gioco hanno trionfato nelle Boccette il Circolo Parioli, nella Stecca L’antico Tiro a Volo e nell’8/15 il Circolo Aniene che è risultato inoltre vincitore, con una lunghezza di distacco dalla seconda classificata “Antico Tiro a Volo”, del Trofeo Generale.

 

Alle premiazioni ha voluto partecipare anche il Presidente della FIBiS Andrea Mancino, sottolineando quanto sia importante avere dei centri di riferimento come i Circoli Storici della capitale per il nostro sport, di qualunque specialità si parli.

 

Al termine delle premiazioni un aperitivo e la declamazione del sonetto di chiusura di “Capitan Giacinti”, in più il sincero augurio di dar vita per il prossimo anno ad una manifestazione ancora più bella.

 

“TROFEO CIRCOLI CAPITOLINI”

Ogni anno je cambiamo er nome a sto’ torneo
Ce pensavo iersera prima d’annà nelle braccia de Morfeo
Quest’anno se chiama Trofeo tra i Circoli Capitolini
Cambierà puro er nome,ma noi arivamo sempre primi
Se giochi a boccette,poole,Italiana o goriziana
Se vincemo noi la cosa non è per gnente strana.
Se nel poole come l’artr’anno amo rivinto
Come in ogni cosa un motivo pure ce sarà
E se quarcuno de questo nun ne è convinto
l’anno prossimo intigna e ce po’ pure riprovà.
Si in questo gioco voi vedè dei colpi belli
E’ quanno ar tavolo ce trovi Campanelli
Voi la sicurezza e la stoffa dei campioni
Abbi pazienza e guardate Scifoni
Della vittoria poi voi sapè chi è er garante
Te lo dico io è quer “bravone” de Del Fante
Tommy e “Micio” vedrai che cresceranno
E sò sicuro che sò bboni pe’ st’artr’anno
Se rigiocherà come lui sa puro Vagnozzi
Mettece la firma a tutti, noi je famo i bozzi.
Semo secondi poi nelle boccette
E plaudiamo ar Parioli e ad Aragona
E anche si nun semo riusciti a falli a fette
La squadra ha retto ed è ancora bbona.
A boccette er segreto sarà quel Rinaldo
Che arivando sempre un po’ in ritardo
Nun riesce mai a provà con cura er campo
Ma all’ avversario comunque nun dà scampo
Sarà pure er fatto che nun se damo mai per vinti
Quanno che sur panno verde entra Giacinti
Oppure la picchiata del neo- acquisto Guido Cespa
Che te fa penzà sì ar rombo de ‘na vespa
De certo saranno anche quei ripetuti bei filotti
Che s’aritrovamo co’ la “pompetta” de’ Mariotti.
Si se parla poi der gioco co’ la stecca all’italiana
Lì dove avemo sfiorato pe’ poco la finale
La prestazione nun è stata poi così vana
Un ber terzo posto nun è pe’ gnente male.
E’ anche vero che qui un po’ mejo se po’ fa
Ce dovemo da mette solo un po’ d’impegno
Perché Boggio c’ha l’estro e anche l’ingegno
Si gioca un po’ de più po’ solo che migliorà
Ce scommetto e punto forte su Giannini
Se anche lui s’allena e incrementa i compitini
Speramo che riprende poi Giorgio Perrone
E allora avremo di nuovo uno squadrone
C’è n’artra cosa noi nun semo mica matti
Nun me scordo mica che c’avemo anche Caratti
E’ sicuro che l’avversari non son che ombre
Quando ar panno verde noi schieramo l’hombre.
Concludo quindi dicendo che i tre podi conquistati
Avendo der bijardo preso ben tre specialità
Si nun volemo dì che i più bravi semo stati
Allora dimo armeno che semo quelli con più duttilità.
La chiudo qui perchè nun ve vojo più ammorbà
Perché ho scritto ‘ste du righe solo pe’ scherzà
Quindi faccio ai Circoli partecipanti i miei ringraziamenti
E aggiungo complimenti a tutti e ve lo dico for dai denti.

                                                                             Stefano Giacinti

 

 

(19)